INDIA

INDIA

Bandiera India

La terra dei Maharaja

Conosciuta come la “La terra dei Maharaja” e per i suoi monumenti iconici come il Taj Mahal simbolo dell’amore eterno e i maestosi templi di Khajuraho e Hampi, l’India affascina i visitatori con la sua ricca eredità storica e la varietà di esperienze culturali, naturali e spirituali.
Le spiagge di Goa, le backwaters del Kerala e le montagne dell’Himalaya offrono esperienze naturalistiche uniche.
La variegata cucina indiana è una delizia per i sensi con piatti speziati e aromi irresistibili.
Le città come Delhi, Jaipur e Agra costituiscono il famoso “Triangolo d’Oro” mentre luoghi spirituali come Varanasi e Amritsar attraggono pellegrini e curiosi da tutto il mondo.

Scopri l’India con i nostri viaggi

A breve online rimani in contatto • Soon online keep in touch

La storia dell’India è ricca e complessa, caratterizzata da una successione di imperi, dinastie e culture.
La civiltà della valle dell’Indo, una delle più antiche al mondo, fiorì nella regione dell’Indo tra il 2600 e il 1900 a.C. sviluppando una forma di scrittura e una civiltà urbana avanzata.
Successivamente fu invasa da vari popoli, inclusi gli ariani, che portarono la religione vedica e il sistema di caste.
Tra il 3° secolo a.C. e il 6° secolo d.C. l’India vide la crescita di grandi imperi Maurya e Gupta noti per i loro contributi alla filosofia, alla scienza e all’arte.
Con l’invasione araba del 7° secolo arrivò l’Islam portando un periodo di influenze culturali e politiche islamiche.
Nel 1526 Babur fondò l’impero Mughal portando stabilità politica e un ricco patrimonio culturale.
Nel 18° secolo l’India fu colonizzata dagli europei, principalmente dagli inglesi, che dominarono il subcontinente per quasi due secoli prima dell’indipendenza nel 1947.
Dopo la divisione con il Pakistan, l’India divenne una repubblica affrontando sfide come la povertà, l’instabilità politica e i conflitti religiosi, ma progredendo economicamente e diventando una delle principali potenze mondiali.

L’India è un paese multirazziale caratterizzato da una vasta gamma di gruppi etnici, linguistici e religiosi. Questa diversità è il risultato di migliaia di anni di migrazioni, invasioni e scambi culturali.
La popolazione indiana è composta da numerosi gruppi etnici tra cui indo-ariani, dravidiani, mongoloidi e molti altri, ognuno con la propria storia, lingua, religione, cultura e tradizioni.
Questa mescolanza di culture, lingue e religioni ha contribuito a creare un tessuto sociale unico e vibrante, rendendo l’India una delle nazioni più ricche e interessanti dal punto di vista culturale al mondo.

L’India è considerata un paese megadiverso perché ospita una straordinaria diversità biologica unica e affascinante dal punto di vista naturalistico.
Il paese possiede una vasta gamma di ecosistemi che vanno dalle foreste pluviali tropicali alle regioni desertiche, dalle montagne dell’Himalaya alle pianure alluvionali.
Ospita un’ampia varietà di flora e fauna comprendendo molte specie endemiche e uniche al mondo.

L’India ospita una vasta rete di parchi nazionali e riserve naturali che proteggono la sua diversità biologica unica. Tra i più rinomati:

  • Parco Nazionale di Jim Corbett: situato nello stato dell’Uttarakhand, è il più antico parco nazionale dell’India ed è famoso per la sua popolazione di tigri.

     

  • Parco Nazionale di Kaziranga: situato nell’Assam, è noto per essere il santuario dei rinoceronti indiani oltre ad essere un habitat per elefanti, tigri e altri animali.

     

  • Parco Nazionale di Ranthambore: situato nel Rajasthan, è celebre per i suoi safari e la preservazione della tigre, specie minacciata a rischio estinzione.

     

  • Riserva Naturale di Periyar: situata nel Kerala, offre l’opportunità di avvistare elefanti, tigri e altre specie in un ambiente ricco di biodiversità.

     

  • Parco Nazionale di Sunderbans: situato nel Bengala Occidentale, è uno dei pochi luoghi al mondo dove si trovano le tigri di mangrovie.

     

  • Parco Nazionale di Gir: situato nel Gujarat, è l’unico habitat naturale del leone asiatico.

     

  • Parco Nazionale di Bandipur: situato nel Karnataka, è rinomato per la sua fauna selvatica inclusi elefanti, leopardi e cervi.

     

  • Parco Nazionale di Kanha: situato nel Madhya Pradesh, ispirò il libro “Il libro della giungla” di Rudyard Kipling ed è celebre per le tigri e il paesaggio lussureggiante.

     

  • Parco Nazionale di Pench: altro importante parco nel Madhya Pradesh con una ricca fauna e una densa foresta.


Questi parchi e riserve naturali non solo proteggono habitat cruciali e specie minacciate, ma offrono anche opportunità per il turismo ecologico, consentendo ai visitatori di apprezzare la bellezza della natura indiana e sostenere la conservazione ambientale.

L’India offre una vasta gamma di luoghi affascinanti che riflettono la sua  storia millenaria, ricca cultura e bellezze naturali.

DELHI

Delhi, la capitale dell’India, è una metropoli vibrante e dinamica che offre un ricco mosaico di storia, cultura e modernità. Con una popolazione di oltre 20 milioni di abitanti, Delhi è una delle città più grandi e influenti del paese. È suddivisa in due parti principali: Vecchia Delhi e Nuova Delhi, ciascuna con il proprio carattere distintivo. La storia di Delhi risale a oltre 2.500 anni fa e la città è stata la capitale di vari imperi e dinastie, inclusi i Maurya, i Gupta, i Delhi Sultanate, i Mughal e gli Inglesi. Questa ricca eredità storica è evidente nei numerosi monumenti, fortezze e palazzi disseminati per la città.

Vecchia Delhi

Offre una straordinaria miscela di monumenti storici, mercati vivaci e stradine pittoresche, inclusi il Forte Rosso e la Jama Masjid.

Nuova Delhi

Costruita nel 1911, è il centro amministrativo e politico del paese. Nuova Delhi è una città moderna e cosmopolita progettata dagli architetti britannici Edwin Lutyens e Herbert Baker.  La città è caratterizzata da ampi viali, imponenti edifici governativi e lussureggianti giardini.

RAJASTHAN

Il Rajasthan, noto come la “terra dei Maharaja”, è uno stato affascinante nel nord-ovest dell’India. Questo titolo deriva dalla sua ricca storia di regni Rajput, ciascuno governato da Maharaja (re) che hanno lasciato un’eredità di maestosi palazzi, fortezze imponenti e tradizioni culturali vivaci. Questi sovrani hanno giocato ruoli cruciali nella storia indiana, resistendo agli invasori e creando stati prosperi e culturalmente ricchi. La loro influenza si riflette ancora oggi nei monumenti storici e nelle storie epiche di battaglie e alleanze. Le città senza dubbio più rappresentative del Rajasthan sono:

Jaipur

Conosciuta come la “Città Rosa”, Jaipur è famosa per i suoi edifici rosa distintivi, per i suoi palazzi reali, i maestosi forti e il vibrante mercato di Johari Bazaar.

Udaipur

Conosciuta come la “Città dei Laghi”, è famosa per i suoi pittoreschi Laghi che le conferiscono il titolo di città più romantica dell’India. Il City Palace di Udaipur è una meraviglia architettonica che offre viste panoramiche sul lago e sulla città.

Jodhpur

Jodhpur, soprannominata la “Città Blu”, è una delle città principali del Rajasthan, situata ai margini del deserto del Thar. Questa città storica è famosa per le sue case dipinte di blu, il maestoso Forte Mehrangarh e le sue ricche tradizioni culturali.

Jaisalmer

Conosciuta come la “Città d’Oro”, Jaisalmer, è una delle destinazioni più affascinanti del Rajasthan, situata nel cuore del deserto del Thar. La città è famosa per la sua architettura in arenaria gialla che risplende sotto il sole, i suoi magnifici havelis (palazzi) e l’imponente Forte di Jaisalmer.

Bikaner

Famosa per il suo imponente Forte Junagarh, noto per le sue intricate sculture e i suoi palazzi opulenti. La città ospita anche il Tempio dei Topi di Karni Mata, un luogo sacro unico dedicato ai ratti.

Pushkar

Pushkar è una delle città più antiche dell’India e costituisce uno dei cinque “Dhams” o luoghi di pellegrinaggio sacri per gli indù. La piccola città è nota per il suo significato religioso, il pittoresco Lago di Pushkar e il famoso Camel Fair e ospita l’unico tempio dedicato a Brahma, il dio creatore.

 

 

Varanasi, Uttar Pradesh
Una delle città più antiche al mondo, Varanasi è sacra per i fedeli induisti e offre esperienze spirituali uniche lungo il fiume Gange.

Spiagge di Goa
Questo stato costiero è celebre per le sue incantevoli spiagge di sabbia bianca, vita notturna vibrante e architettura portoghese.

Backwaters del Kerala
Un labirinto di canali, laghi e lagune circondato da rigogliose palme da cocco offre un’esperienza rilassante e unica.

Amritsar, Punjab
Qui si trova il Tempio d’Oro (Harmandir Sahib), il più sacro dei luoghi di culto dei Sikh, che attrae visitatori da tutto il mondo.

Khajuraho, Madhya Pradesh
Famosa per i suoi templi induisti risalenti all’XI secolo e per le sculture erotiche intagliate.

Hampi, Karnataka
Sito UNESCO, Hampi ospita i resti di un antico regno tra cui templi, palazzi e strutture monumentali.

Leh-Ladakh, Jammu e Kashmir
Una regione montuosa spettacolare rinomata per i suoi paesaggi mozzafiato, monasteri buddhisti e avventure outdoor.


L’India è rinomata anche per la sua ricca tradizione spirituale e offre una miriade di punti di interesse per i viaggiatori in cerca di esperienze spirituali uniche.
I principali luoghi, ognuno con la propria atmosfera e significato spirituale profondo:

Varanasi, Uttar Pradesh
Varanasi è sacra per i fedeli induisti e offre ghats lungo il fiume Gange dove i devoti si immergono nelle acque sacre e assistono a cerimonie religiose.

Haridwar e Rishikesh, Uttarakhand
Queste città sacre lungo il fiume Gange sono importanti centri di spiritualità e yoga con numerosi ashram, templi e luoghi di meditazione.

Amritsar, Punjab
Qui si trova il Tempio d’Oro (Harmandir Sahib) il più sacro dei luoghi di culto dei Sikh che attrae milioni di pellegrini ogni anno.

Bodh Gaya, Bihar
Questo è il luogo dove il Buddha raggiunse l’illuminazione sotto l’albero della Bodhi.
Il Mahabodhi Temple Complex è un importante sito buddhista e patrimonio dell’umanità UNESCO.

Tiruvannamalai, Tamil Nadu
Questa città ospita il famoso tempio di Arunachaleswarar ed è famosa per il Monte Arunachala considerato sacro in molte tradizioni spirituali indiane.

Dharamsala e McLeod Ganj, Himachal Pradesh
Sono i centri dell’esilio tibetano in India e sede del Dalai Lama. Qui è possibile visitare il monastero di Tsuglagkhang, partecipare a insegnamenti buddhisti e pratiche spirituali.

Pushkar, Rajasthan
Famosa per il suo lago sacro e il Tempio di Brahma, Pushkar è un importante centro di pellegrinaggio induista e ospita una delle più grandi fiere di cammelli dell’India.

Mathura e Vrindavan, Uttar Pradesh
Considerate luoghi sacri nell’induismo perché associati alle gesta del Signore Krishna, sono noti per i loro numerosi templi e per le celebrazioni religiose.

Shirdi, Maharashtra
Sede del santuario di Sai Baba, uno dei santi più venerati dell’India, Shirdi attira migliaia di pellegrini ogni giorno.

Vaishno Devi, Jammu e Kashmir
Importante centro di pellegrinaggio induista dove i devoti viaggiano per raggiungere il tempio di Vaishno Devi situato sul Monte Trikuta.

India

INFORMAZIONI UTILI

L’India, data la vastità del paese, ha più fusi orari con differenze approssimative rispetto all’Italia:
India Standard Time:
durante l’ora legale la differenza oraria è di +3 ore e 30 minuti.
durante l’ora standard la differenza oraria è di +4 ore e 30 minuti.
India Time Zone:
durante l’ora legale la differenza oraria è di +4 ore e 30 minuti.
durante l’ora standard la differenza oraria è di +5 ore e 30 minuti.

Le ore di volo possono variare a seconda della città di destinazione e delle rotte specifiche dei voli.
Volo diretto da Roma a Delhi circa 8-9 ore.
Volo diretto da Roma a Mumbai circa 9-10 ore.
Volo diretto da Roma a Bangalore circa 10-11 ore.
Volo diretto da Roma a Chennai circa 10-11 ore.

È necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità residua e con almeno 2 pagine libere per apporvi il visto.
Il visto di ingresso è necessario per soggiorni inferiori a 90 giorni.
Consultate VIAGGIARE SICURI per conoscere le regole per la partenza, la permanenza e il rientro in Italia.
Viaggiare Sicuri è il portale gestito dall’Unità di Crisi del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.
Si ricorda che le regole sono in continuo mutamento e le indicazioni sono soggette a modifiche.
Verificate i requisiti di viaggio, i documenti di ingresso e le norme sanitarie della destinazione >>

La superficie è di 3.287.263 Km2.
La popolazione è di circa 1,4 miliardi di persone.

La capitale dell’India è Nuova Delhi.

Il clima dell’India varia considerevolmente da regione a regione a causa delle sue dimensioni geografiche e della sua posizione geografica diversificata.
In generale ha principalmente tre stagioni: estate, monsoni e inverno, ma ci sono notevoli variazioni all’interno di queste stagioni a seconda della regione.

  • Nord dell’India: clima continentale con inverni freddi e estati molto calde. Le pianure del nord, inclusa la capitale Nuova Delhi, sperimentano temperature estreme durante l’estate, mentre le regioni montuose come l’Himalaya possono avere inverni molto freddi.
  • Sud dell’India: clima tropicale, con temperature elevate e umide durante tutto l’anno. L’estate è calda e umida, mentre i monsoni portano piogge abbondanti da giugno a settembre.
  • India occidentale: clima prevalentemente tropicale, con un periodo di monsoni caratterizzato da piogge abbondanti da giugno a settembre. L’estate è calda e umida, mentre l’inverno è più mite e secco.
  • India orientale: clima tropicale con un marcato periodo di monsoni durante l’estate. Le piogge sono abbondanti durante i mesi estivi.
  • India centrale: clima che varia tra tropicale e subtropicale con inverni freschi e secchi e estati calde e umide. Anche qui, i monsoni portano piogge significative durante l’estate.
  • Himalaya: clima alpino con inverni rigidi e abbondanti nevicate, specialmente nelle regioni più elevate.


Prima della partenza
consultate le previsioni meteo aggiornate >>

L’India è nota per la sua ricca diversità linguistica con numerose lingue parlate in tutto il paese.
L’Hindi è una delle lingue ufficiali e le altre principali lingue predominanti sono il Bengalese, Telugu, Marathi, Tamil, Urdu, Gujarati, Kannada, Odia e Punjabi.

L’unità monetaria è la Rupia Indiana (INR).

In India la corrente elettrica è di tipo alternata a 230 volt a 50 Hz.
Le prese elettriche sono di tipo C, D e M. Le prese di tipo C sono simili a quelle utilizzate in Europa.
È consigliabile munirsi di adattatore universale.

Per le chiamate locali va utilizzato il codice internazionale che in India è +91.
In India il settore della telefonia è in costante evoluzione e la telefonia mobile ha raggiunto un’ampia copertura in tutto il paese.
In genere le SIM card prepagate di base possono essere disponibili a prezzi molto bassi o addirittura gratuite.

La religione predominante in India è l’Induismo.
Altre religioni praticate sono l’Islam, Cristianesimo, Sikhismo, Buddismo, Giainismo, Ebraismo, Parsismo e Bahá’ísmo.

Emergenze:
• Polizia: 100
• Ambulanza: 102
• Vigili del fuoco: 101

Informazioni turistiche:
• Centro di assistenza al turista: 1363 (disponibile in varie lingue)

Assistenza stradale:
• Automobile Association of Upper India: 1800-102-7777
• All India Motor Transport Congress: +91 11 2676 1221

Ambasciata d’Italia a New Delhi
50-E Chandra Gupta Marg
New Delhi – Chanakyapuri New Delhi 110021

  • Centralino: tel. 0091-11-26114355
  • Cellulare reperibilità solo in casi d’emergenza: tel. +919810158737

E-mail: ambasciata.newdelhi@esteri.it

Contattaci per creare la tua esperienza di viaggio su misura al 100%
e a tutto il resto penseremo noi

REALIZZA IL TUO SOGNO
SCEGLI LA TUA DESTINAZIONE

SCOPRI IL MONDO IN COMPAGNIA
SCEGLI IL TUO VIAGGIO ESCLUSIVO DI GRUPPO

20 ANNI DI CONOSCENZA, CREATIVITÀ E PASSIONE

In costruzione • Under construction